TELEVISIONE > 2001 - 51^ EDIZIONE DEL FESTIVAL DI SANREMO


2001 – 51^ Edizione del Festival di Sanremo

Spettacolo musicale trasmesso dal Teatro Ariston di Sanremo, in onda su Rai Uno dal 26 Febbraio 2001 al 3 Marzo 2001 in 5 serate
Condotto da Raffaella Carrà

con la partecipazione di Megan Gale, Enrico Papi e Massimo Ceccherini.
Programma di Giovanni Benincasa, Raffaella Carrà, Fabio Di
Iorio, Sergio Japino, Sergio Bardotti e Casimiro Lieto
Commissione artistica Sandra Bemporad, Michele Centone,
Michele dall’Ongaro, Pino Dosaggio e Mario Pezzolla.

Direzione artistica Mario Maffucci
Supervisione alla produzione Sandra Bemporad
Coordinamento e direzione musicale Gianfranco Lombardi
Scenografia di Mario Catalano
Direttore della fotografia Franco Proto
Coordinamento audio Claudio Gatti
Ottimizzazione Laura Stefanucci
Direttori di produzione Giorgio de Vizio e Marco Dottori
Produttore esecutivo Gloria Brunetti
Regia di Sergio Japino
Sigla iniziale: "E' la mia musica" (Raffaella Carrà)


Raffaella per la prima volta presenta la manifestazione musicale più importante in Italia e compare tra gli autori della sigla “E’ la mia musica” da lei stessa interpretata.

Nella 51^ Edizione del Festival di Sanremo gli artisti sono divisi in due categorie “Sezione Big” e “Sezione Giovani”.

I cantanti in gara nella “Sezione Big” sono  Gianni Bella, Bluvertigo, Alex Britti, Fabio Concato, Gigi D'Alessio, Peppino Di Capri, Elisa, Giorgia, Jenny B., Matia Bazar, Anna Oxa, Quintorigo, Sottotono, Syria, Paola Turci e Michele Zarrillo.

I cantanti che fanno parte della “Sezione Giovani” sono Riki Anelli, Roberto Angelini, Francesco Boccia e Giada Caliendo, Carlito, Carlotta, Gazosa, Isola Song, Stefano Ligi, Paolo Menguzzi, Moses, Pincapallina, Principe e socio m., Francesco Renga, Sara 6, Xsense e i Velvet.

La manifestazione più chiacchierata di ogni anno è, come sempre, esposta alle polemiche. Questa volta le critiche sono per le incursioni di Massimo Ceccherini in sala e per il deludente Enrico Papi al “Dopo Festival”.

Inoltre, la rock star Brian Molko, sul palco si comporta male, oltre a mostrare il dito medio della mano, conclude l'esibizione sfasciando la chitarra contro un amplificatore, il pubblico in sala non apprezza e lo fischia. La Carrà imbarazzata si scusa per l'intemperanza del gruppo ospite.

A Fiorello viene affidato il duro compito di far salire i poco sostanziosi dati dell’Auditel , infatti è ospite di una serata e tra battute e musica gioca e canta con Raffaella.

Gli ospiti Internazionali sono molto graditi e a mandare in delirio la folla c’è il sensuale Ricky Martin, i mitici Areosmith, la bionda Faith Hill, la spettacolare Anastacia, Antonio Banderas, Enya e il rapper trasgressivo Eminem che in quei mesi è il protagonista di una serie di polemiche a causa dei testi delle sue canzoni definite "politicamente scorrette".

Anche Piero Pelù, quale ospite italiano fu molto apprezzato e applaudito.

L’edizione viene vinta da Elisa con la canzone “Luce (tramonti a nord est)”, che per Sanremo presenta il suo primo brano in Italiano, dopo due successi internazionali in lingua Inglese.

Mentre per la “Sezione Giovani” vincono i Gazosa con la canzone “Stai con me (Forever)”, un gruppo di ragazzini appena adolescenti ma molto bravi.

Da segnalare la fantastica canzone di Giorgia "Di sole e di azzurro” scritta per lei da Zucchero Fornaciari, che riesce solo ad ottenere il secondo posto.

Per Raffaella la conduzione del Festival di Sanremo non è una grande esperienza, le lascia davvero poco come poco è stato il tempo che le hanno concesso per la preparazione.


Raffaella Carrà e Fiorello