TELEVISIONE > 1971 - CANZONISSIMA  


 

 

 

1971 - Canzonissima

 

RAI Programma Nazionale (b/n)

 
Spettacolo musicale abbinato alla Lotteria di Capodanno
   In onda dal 9/10/1971 al 6/01/1972 in 13 puntate
 
Condotto da: Corrado e Raffaella Carrà
e con la partecipazione di Alighiero Noschese
 
Autori: Castellano e Pipolo
 
Scenografia: Cesarini da Senigallia
 
Costumi: Corrado Colabucci
 
Coreografie: Gino Landi
 
Orchestra diretta dal maestro Franco Pisano
 
Regia: Eros Macchi
 
Sigla iniziale: Chissà se va" (Raffaella Carrà)
 
Sigla Finale: "Raffaella" (Franco Pisano e la sua Orchestra)

Visti i soddisfacenti esiti dell’anno precedente, la Rai decide di riconfermare la stessa coppia di conduttori anche per la nuova edizione della trasmissione. Non era mai successo dal 1957. Corrado e Raffaella Carrà insieme piacciono e molto! Infatti conquistano un gradimento di pubblico impressionante. Successo paragonabile solo alla famosa Canzonissima 1959 con Delia Scala, Manfredi e Panelli.

La trasmissione, a parte le canzoni, si basa sul richiamo che la Carrà ha sul pubblico.

Raffaella, nella nuova sigla “Chissà se va” si ripresenta con l’ombelico scoperto, i capelli poco più lunghi e leggermente schiariti. Conduce, gioca e scherza con Corrado, fa parte del balletto centrale ispirato ai segni zodiacali e di un balletto finale con una nuova canzone ogni settimana.

A dare man forte ai due presentatori viene chiamato anche Alighiero Noschese  che però prepara i suoi sketch come momento autonomo.

Raffaella, pur non puntando esclusivamente sulle sue doti canore, con suo grande stupore,  vede entrare in classifica ben 4 singoli: “Chissà se va”, “Tuca Tuca”,

“Maga Maghella” e “Borriquito”.

L’idea del "Tuca tuca" è di Gianni Boncompagni  e  vuole essere una sorta di gioco, con il quale facendo piccole “mosse” ci si tocca ginocchia, fianchi, spalle e fronte. Ma nonostante l’ironia con il quale viene proposto quello che poteva sembrare un “ballo-sexy”,la RAI dalla terza puntata lo censura.

Solo quando arriva come ospite del programma Alberto Sordi e chiede di poterlo ballare con Raffaella, il direttore Giovanni Salvi da l’autorizzazione per farlo riproporre. Così dopo le censure e le polemiche iniziali, il “Tuca Tuca” diventa un autentico fenomeno popolare.

Alla trasmissione partecipano molti attori famosi tra i quali Jean Paul Belmondo, Claudia Cardinale, Monica Vitti, Vittorio Gassman, Nino Manfredi, Gigi Proietti, Renato Rascel, Florinda Bolkan, Gina Lollobrigida, Paolo Villaggio, Vittorio De Sica e Alberto Sordi.

La trasmissione, nelle 13 puntate previste, richiama ben 312 milioni di spettatori. Un ascolto record che dà l’idea dell’alto indice di gradimento!


     
     

 
Il biglietto della lotteria di Capodanno 1971/72
 
 
I cantanti e le canzoni in gara
 

Nada - La porti un bacione a Firenze / Michele - Susan dei marinai / Ombretta Colli - Lu primmo ammore /  Donatello - Malattia d'amore / Rita Pavone - La suggestione / Mino Reitano - Apri le tue braccia e abbraccia il mondo / Dalida - Mamy Blue / Giovanna - Sorge il sole / Don Backy - Fantasia / Peppino Gagliardi - Gocce di mare / Massimo Ranieri - Adagio Veneziano / Patty Pravo - Non ti bastavo più / Tony Del Monaco - Cronaca di un amore / Iva Zanicchi - Ed io tra di voi / Carmen Villani - Bambino mio / Romina Power - Que sera sera / Domenico Modugno - La lontananza / Gianni Nazzaro - Far l'amor con te / Gigliola Cinquetti - La Domenica andando alla messa / Mirna Doris - Core 'ngrato / Gino Paoli - Mamma mia /  Al Bano - 13 storia d'oggi / Ornella Vanoni - Domani è un altro giorno / Johnny Dorelli - Mamy Blue.


     
     

La cartolina per votare il cantante
 
 

 
 

     
     

Sigla iniziale: "Chissà se va" Balletto - "Tuca tuca"
   
Balletto. "Maga Maghella e il segno della Vergine" Raffaella e Corrado: Sketch