TEATRO  

ANNO EVENTO TEATRO
1965

IL SEDUTTORE

Autore: Diego Fabbri - Regia: José Quagliò

Con Giulio Bosetti, Relda Ridoni, Scilla Gabel

 

Alberto, dotato di grande immaginazione e di uno sfrenato desiderio di avventure amorose, crede di essere seduttore irresistibile. Ha un capo ufficio libertino, al quale racconta molte avventure immaginarie, e cerca poi di mostrarsi veramente quel che s’è vantato di essere. Di sua condizione è un modesto impiegato, sposato alla proprietaria di un ristorante, Norma, che guarda con una certa diffidenza al suo ambiguo desiderio di libertà. Incoraggiato da Jacqueline, una graziosa ragazza francese che è già l’amante di un ricco commendatore, Alberto crede d’aver fatto una conquista importante; in realtà, senza ottener nulla, è costretto ad intrattenere non soltanto Jacqueline ma anche la madre di questa. Approfittando di una serie favorevole di combinazioni, Alberto fa poi credere alla moglie di trovarsi a Parigi in viaggio, e ne approfitta invece per restare a Roma e far la corte ad Alina, moglie italiana di un pilota americano che è spesso assente. Ma da Alina ricaverà soltanto una tenera amicizia. Sbagliando tutto – con chi pensa ai soldi fa il romantico, con chi è romantica lo sfrontato – Alberto finisce col trovarsi nei guai quando, una sera, Jacqueline e Alina si incontrano casualmente, proprio nel ristorante di Norma, la moglie di Alberto. Sarà quest’ultima a sistemare le cose ed a perdonare ad Alberto. Che, sempre innamorato della moglie, si ripromette di diventare un marito fedele mentre Norma decide di sorvegliarlo più da vicino.

 
1966

CIAO RUDY

Autori e Regia: Pietro Garinei e Sandro Giovannini

Con: M. Mastroianni, O. Vili, I. Occhini, G. Lojodice, G.Raspani

Dandolo, P. Pitagora, T. Lattanti, P. Borboni, A. Pagano

 

"Ciao Rudy" debuttò al Teatro Sistina di Roma il 7 gennaio 1966 con un protagonista d'eccezione: Marcello Mastroianni. Fu davvero un evento straordinario che produsse un clamore stile anni cinquanta. Accando al divo cinematografico il cast femminile comprendeva, tra l'altro, Olga Villi, Ilaria Occhini, Giuliana Lojodice, Giusi Raspani Dandolo, una giovanissima Raffaella Carrà, Paola Pitagora, Tina Lattanzi, Paola Borboni, Angela Pagano. Lo spettacolo ebbe un enorme successo sia di critica che di pubblico; dal 7 Gennaio all’11 aprile, "Ciao, Rudy"  fu replicato quasi 100 volte ottenendo sempre il tutto esaurito. Tutto il mondo teatrale e cinematografico corteggiò Mastroianni per portare lo spettacolo sia in una tournee internazionale che sul grande schermo, ma il nostro rinunciò a tutto questo per lavorare successivamente con Federico Fellini. Per vedere ritornare in scena questa commedia musicale, si dovette aspettare ben sette anni e la voglia di rischiare di un altro grande attore, Alberto Lionello, che ne diede una sua personale interpretazione riscuotendo un unanime consenso di pubblico e critica. Accanto a lui Paola Borboni e Giusi Raspani Dandolo, che già avevano partecipato alla prima edizione; ed inoltre Carmen Scarpitta, Marzia Ubaldi, Mita Medici, Lorenza Guerrieri e Loredana Bertè. Nel marzo del 1973, a Broadway, nel corso della cerimonia di consegna dei "Tony Awards", Garinei & Giovannini hanno ricevuto uno speciale riconoscimento proprio per "Ciao, Rudy". Il testo dello spettacolo è stato scritto da Garinei e Giovannini con Luigi Magni; le musiche sono di Armando Trovajoli. Tra le canzoni più famose: "Quattro palmi di terra in california", "Gente matta", "Valentino Tango".

 

1967

DEL VENTO TRA I RAMI DEL SASSOFRASSO

Autore; Renè de Obaldia - Regia: Sandro Bolchi

Con: Gino Cervi, Elsa Merlini,

Ferruccio De Ceresa, Gennaro Longo

 
1967

PROCESSO DI FAMIGLIA

Autore: Diego Fabbri - Regia: José Quagliò

Con: Gino Cervi, Elsa Merlini,

Ferruccio De Ceresa, Massimo Foschi

 

Una coppia ormai anziana ha adottato un bambino. Ma ora si presenta a pretendere il piccolo la madre vera, sostenuta dal suo attuale compagno. Ricompare anche il vero padre a complicare ulteriormente le cose.

 
1967

NON SPARATE AL REVERENDO

Autori: Faele (R. Sposito) e Torti - Regia: Carletto Sposito e Gino Pagnani
Con: Erminio Macario, Antonio Casagrande, Giusy Raspani Dandolo, Carletto Sposito
Musiche: Marcello De Martino - Coreografie: Gino Landi
Scene e costumi: Pasquale Nigro