MANIFESTAZIONI > 2010 - ACADEMY DAY / PREMIO AEREC


 

 

il Premio AEREC alla Carriera porta in sé un valore internazionale, a testimonianza della capacità di alcuni Italiani di valore di valicare, con la loro arte, i confini del nostro Paese. Raffaella Carrà, come ha ricordato il Presidente Carpintieri leggendo la motivazione che ha accompagnato la consegna del riconoscimento, è stata la prima artista a far conoscere la canzone italiana all’estero aprendo la strada ai vari Eros Ramazzotti, Laura Pausini e Tiziano Ferro. In Spagna, dove ha condotto per alcuni anni con straordinario successo una trasmissione sulla rete nazionale (HOLA RAFFAELLA), è conosciuta ed amata almeno quanto in Italia.
Per non parlare della sua popolarità in tutta l’America Latina e, come cantante, praticamente in ogni angolo del globo. Nonostante le tante soddisfazioni e i numerosi premi ricevuti, Raffaella Carrà è apparsa visibilmente emozionata e grata per il riconoscimento conferitole dall’AEREC dichiarando:

“Io voglio veramente ringraziare il Dott. Carpintieri e tutti i membri dell’Accademia, per un premio che avrà un posto speciale perché per me ha un significato speciale"

ACADEMY DAY / PREMIO AEREC

Roma, 10/06/2010


"È vero che aver saputo portare il nome dell’Italia in giro per il mondo, aver riempito gli stadi con i concerti, aver reso popolari le mie canzoni da Miami a Buenos Aires o in Europa, anche presso ragazzi che non erano ancora nati quando sono state pubblicate, avere avuto la possibilità di presentare per quasi cinque anni un programma sulla TV di Stato spagnola, un programma di tre ore tutto parlato in spagnolo (con qualche piccolo errore, certo) - non è solo merito mio ma del gruppo di lavoro che è stato sempre accanto a me. Fatto sta che è la prima volta che nel mio paese mi viene conferito un riconoscimento internazionale dopo tanti anni di carriera. Dalla Spagna ho avuto il più alto riconoscimento, quello di Dama, che mi hanno conferito il Re e il Governo Spagnolo ma in Italia, in realtà, è la prima volta che mi viene riconosciuto tutto questo lavoro. Credo che anche noi abbiamo contribuito a mantenere alto il nome del nostro paese che tutti amiamo profondamente, e dunque ricevo con orgoglio e soddisfazione questo premio, augurandovi un importante futuro imprenditoriale perché noi italiani siamo bravissimi, dovremmo solo essere più uniti e mettere da parte i sentimenti negativi che ad esempio popolano il mio ambiente”.

Dopo che il Presidente Carpintieri ha ricordato anche la grande umanità di Raffaella Carrà, che con i suoi programmi ha favorito migliaia di adozioni a distanza, la showgirl ha concluso:

“Il mio sogno oggi, in effetti, è di occuparmi di queste cose, perché dalla mia carriera personale e artistica ho già avuto tutto, sono molto felice e posso anche fare un passo indietro. D’altronde tutto ciò che riguarda l’impegno sociale, l’ho sempre fatto con allegria e gioia come quando ho fatto il programma “Amore” che ha consentito di adottare circa 150.000 bambini contribuendo a creare, quindi, altrettante famiglie. La Rai, ad un certo punto, ha deciso di fare a meno del programma ma io spero che un giorno, qualcuno, ci ripensi.”